USTRASANA LA POSIZIONE DEL CAMMELLO

cropped-img-20180101-wa0013.jpg

ASANA DEL MESE


Per questo inizio di 2018 ho scelto una posizione di apertura, apertura del cuore a nuove opportunità, a nuove avventure e a nuove persone.

Senti l’apertura del cuore e non aver paura di inarcarti all’indietro. Le asana di apertura ci aiutano a lavorare proprio sull’empatia.

SIGNIFICATO DI USTRASANA

In sanscrito ustra significa “cammello”, pertanto la traduzione letterale di ustrasana è “la posizione del cammello”.

Secondo la mitologia induista, il cammello era caro all’antico maestro Rischi Sukha, il quale sosteneva che questo animale rappresentasse Venere, il pianeta preservatore della virilità: secondo tale interpretazione questa posizione aiuta ad incrementare la virilità e il piacere sessuale

COME FARE LA POSIZIONE DI USTRASANA

Inginocchiati sul tappetino posizionando i piedi e le ginocchia paralleli ben appoggiati a terra e separati dalla stessa distanza che c’è tra le anche questo assicurerà una maggiore stabilità. Posiziona le mani sulla base della schiena o sui glutei e poi piegati indietro gradualmente per la posizione del mezzo cammello ardha ustrasana, puoi rimanere in questa posizione e respirare profondamente prima di portarti in ustrasana.

Se te la senti da questa posizione porta le mani indietro e afferra ciascuna caviglia con una mano, spingi lentamente avanti le cosce, la zona pelvica e l’addome il più possibile, apri il petto in avanti e allarga le spalle allungando il collo e la testa all’indietro.

Mantieni il centro di gravità in avanti per preservare la zona lombare in modo da far sostenere alle ginocchia la maggior parte del peso corporeo. I muscoli del collo sono rilassati e la testa cade dolcemente all’indietro.

Respira profondamente 10 respiri.. sentirai che bella sensazione.

Una volta finita la posizione compensa in BALASANA (la posizione del bambino)

Cosa ne pensi di USTRASANA? Fammi sapere un commento, le tue difficoltà, i tuoi consigli e perché ti piace.

BUON INIZIO ANNO YOGINI,

con amore

Fede

Annunci

VELLUTATA DI CAVOLFIORI E PATATE

L’inizio dell’anno porta sempre a stilare la lista dei buoni propositi e sono sicura di non essere la sola.

Per partire con il piede giusto vi voglio condividere una ricetta ideale per una cena invernale o autunnale semplice e salutare. Protagonista di questo piatto è il cavolfiore un ortaggio ricco di vitamina c e carotenoidi. Se cotto e frullato mantiene completamente inalterata una delle sue principali funzioni cioè quella di favorire il corretto funzionamento dell’intestino.

RICETTA E INGREDIENTI

1 cavolfiore

1 patata

1/2 cipolla

1 spicchio di aglio

500 ml brodo vegetale

zenzero fresco da grattuggiare

q.b. sale

q.b pepe

q.b prezzemolo

E’ un piatto facilissimo da preparare!

Pulite il cavolfiore e la patata e tagliatele in pezzi di grandezza omogenea tra di loro.

In una padella dal bordo alto fate soffriggere uno scalogno e uno spicchio d’aglio che andrete a rimuovere una volta rosolato.

Aggiungete il cavolfiore e le patate e versate 400 ml di acqua, cuocete con un coperchio a fuoco basso in modo da creare una camera di vapore.

Dopo circa 15 min controllare la consistenza dei fiori di cavolfiori e delle patate e con un mestolo forato mettete le patate e il cavolfiore all’interno di un frullatore e frullate aggiungendo l’acqua di cottura fino a raggiungere la consistenza desiderata.

SUGGERIMENTO

Aggiungete olio e pepe q.b e dei crostini di pane integrale!

Buon appetito yogini!

images

 

SEGUI IL TUO CUORE SEMPRE..

Sin da quando è nato, ad agosto 2017, il progetto Fedeyogi ruota intorno allo yoga e alle mie passioni.

 

COME LO YOGA È ENTRATO NELLA MIA VITA

Ti sei mai sentita in una situazione dove non ti senti completamente te stessa e non ascolti il cuore?

Da bambina ero prima una ginnasta agonista e poi una ballerina, passioni che richiedevano grandi sacrifici, ma cosa non lo richiede? Quando ballavo, però, mi sentivo leggera, libera e riuscivo a esprimere tutte le mie emozioni. Poi per una serie di motivazioni non sono riuscita a proseguire… iscritta all’università, dopo poco mi sono trasferita a Londra. Ho fatto un tentativo di ammissione alla Pineapple Dance Studios, ma purtroppo mantenendomi all’estero non riuscivo a sostenere le spese delle lezioni di danza.

Dopo qualche anno, ritornata a Bologna per seguire il cuore, ho iniziato a lavorare per una multinazionale di moda danese. Ammetto che i ritmi erano davvero tosti, ho passato momenti molto duri… ed è stato in quel momento che lo yoga è entrato nella mia vita.

Un giorno, vedendomi un po’ affannata, un’amica mi ha detto: “Fede, perché non ti trovi una distrazione vicino al lavoro? Vai in palestra, fai sport…”

Sinceramente non sono mai stata un tipo da palestra, ma ho iniziato a informarmi e sono capitata per caso in una saletta, in affitto da una bravissima insegnante di yoga… e lì è iniziato il mio viaggio… un viaggio lungo e fatto di tante sorprese.

 

DA ALLIEVA A INSEGNANTE

Lo yoga è diventato parte integrante della mia vita fin da subito, una routine che poi si è intensificata sempre di più (ve ne parlerò meglio nei prossimi post…). Così, non più di 9 mesi fa, ho preso la miglior decisione che potessi prendere: mi sono iscritta a un corso per diventare maestra di yoga, ho preso il diploma e ho iniziato a insegnare.

Le prime volte avevo paura di sbagliare, dimenticavo sempre i nomi delle posizioni e segnavo tutto su un quadernetto di appunti da cui non mi separavo mai… ma quello che più mi dava soddisfazione era vedere le mie prime “cavie” – fortunatamente tutte le mie amiche, che hanno aderito con entusiasmo al progetto, dalle principianti assolute alle più esperte – davvero felici!

 

NON RIMANDARE! SEGUI IL TUO CUORE

Ho appena iniziato questo blog, che vuole essere d’ispirazione come giornale yogico. La mia pagina instagram è già attiva e presto saranno pronti i video settimanali su youtube.

È un percorso difficile, perché al momento devo conciliare le lezioni, il blog e i video con un lavoro a tempo pieno, ma non è impossibile…

Non è un percorso perfetto, ma sto seguendo il mio cuore. E questo per me conta più di tutto il resto.

 

Ora tocca a voi!

BUONA NOTTE YOGINI

 

Fede